Zuppa di finocchi con patate e lenticchie (Ricetta Light)

Ortaggi (finocchi), tuberi (patate) e legumi (lenticchie), ingredienti principali di questa ricetta, sono l’ideale per affrontare il freddo che è davvero arrivato… beh, d’altronde siamo quasi a Natale… ma non solo è un toccasana per proteggerci dai disturbi legati ai rigori dell’inverno, è anche un modo per stare leggeri in attesa delle grandi abbuffate.
Con il loro leggero sapore di anice i finocchi, che sono consigliati nelle diete per le loro specifiche proprietà fra le quali quella di migliorare il metabolismo, conferiscono a questa zuppa un gusto delicato e assai gradevole al palato.

 

Ingredienti per 4/6 persone:
 
2 finocchi
4 patate medie
1 cipolla grossa
1 scatola di lenticchie da 400 gr
1 scatola di polpa di pomodoro da 400 gr
pane al sesamo tagliato a fette q.b.
olio e.v.o.
sale grosso
 

Preparazione:

Pulisci bene i finocchi, la cipolla e le patate, tagliali a cubetti e mettili in una pentola.                                 

  

 

 

 

 

Aggiungi 4 giri d’olio, un po’ di sale grosso e fai stufare a fuoco dolce per 10 minuti.

                                                                                                 

 

 

 

 

Unisci la polpa di pomodoro, fai cuocere altri 5 minuti, poi copri con acqua bollente, aggiusta di sale e porta a cottura.                      

             

 

 

Mentre fai sobbollire a pentola semicoperta  per 30 minuti, abbrustolisci il pane in una padella antiaderente. 5 minuti prima di terminare la cottura della zuppa aggiungi le lenticchie.

                           

BUONA ZUPPA A TUTTI! 

 

             

Minestra di patate con pasta mista

Una buona minestra calda per una cena in famiglia è quel che ci vuole per combattere i primi freddi, se poi è anche veloce da preparare… tanto meglio!
Come pasta ne ho utilizzata una mista acquistata al supermercato, ma solitamente  impiego i vari “rimasugli” che ho nella dispensa, ovviamente cuocendoli in sequenza in base ai tempi di cottura indicate sulle confezioni. Così facendo ottengo una simpatica minestra e allo stesso tempo smaltisco gli avanzi senza accumularli. 
 
Ingredienti per 4 persone: 
 
2 porri
2 carote
3 patate grosse
5/6 cucchiai di passata di pomodoro
1 rametto di rosmarino
1 l d’acqua calda 
olio e.v.o.
sale fino q.b.
pasta mista q.b. (in base alla densità voluta)
grana grattugiato q.b.

 

Preparazione:

 

Pulisci tutte le verdure e mettile a bagno.

 

Taglia a coltello i porri e le carote,

         

 

 

 

 

mettili in una pentola con l’olio e fai “sudare” i porri (pochi minuti).

 

 

Nel frattempo taglia le patate a tocchettini e uniscile alle verdure.

  

 

 

 

 

Aggiungi il pomodoro, gira tutto, poi metti l’acqua (mi raccomando che sia calda!), il sale e il rosmarino.

      

 

 

 

 

Fai cuocere fino a che le patate risultano quasi cotte, dopodiché con la ramina togline una parte, schiacciale con la forchetta (poi rimettile nella pentola così la minestra si addensa)  e aggiungi la pasta seguendo la cottura indicata sulla confezione. Se la minestra risulta troppo densa aggiungi un po’ d’acqua calda e aggiusta di sale.  

    

 

 

 

 

Impiatta, un giro d’olio, una spolverata di grana e…

       BUONA MINESTRA A TUTTI!       

             

Quiche con crema di patate e taleggio

  
“Quiche”, termine francese che significa “torta”, è una torta salata di pasta brisè, altro vocabolo mutuato dagli amici d’oltralpe, che vuol dire “friabile”, riempita con un impasto di tuorli d’uovo, burro, panna, ecc. La pasta brisè è una via di mezzo tra la pasta sfoglia e la pasta frolla: rispetto alla pasta sfoglia ha meno burro (2 parti di farina e 1 di burro, la sfoglia ne ha 2 di farina e 2 di burro), mentre a differenza della frolla non ha le uova. La quiche con crema di patate e taleggio l’ho realizzata con lo yogurt bianco naturale al posto della panna per conferire leggerezza al piatto. Il risultato è una torta light ma piena di gusto grazie anche al taleggio, formaggio dolce a pasta molle dal sapore inconfondibile.
 
Ingredienti:
 
1 pasta brisè pronta
200 gr di cipolle bianche o scalogno, per un gusto ancora più delicato
600 gr di patate
180 gr di taleggio (senza crosta)
2 uova intere
1 yogurt bianco naturale da 125 gr
1 noce di burro
olio e.v.o. (extra vergine di oliva)
sale
pepe
 

Preparazione:                                                        

Sbuccia le cipolle,   tagliale a coltello e falle appassire dolcemente in padella con burro, olio (poco) e sale per 15 minuti.

Quando diventano trasparenti aggiungi le patate, tagliate  sottili, sale, pepe, un pochino d’acqua e fai cuocere per una mezz’ora.

A fine cottura, con una forchetta schiaccia bene le patate in modo da ridurle in purea. Aggiungi il taleggio tagliato a cubetti, amalgamalo bene, poi lo yogurt ed infine, con l’impasto ormai tiepido, le uova (mescolandole velocemente). Assaggia la crema ottenuta e aggiustala di sale e pepe .

 

 

Prendi una teglia da 27 cm di diametro, foderala con la pasta brisè lasciando la sua carta a contatto con la teglia e con i rebbi di una forchetta punzecchiala in modo che non gonfi durante la cottura.

Versaci la crema, rigira i bordi e cuoci in forno a 180°, ventilato, per 30 minuti circa.

Servila tiepida… sentirai che bontà!

 

 

 

Seppioline al timo con patatine novelle

 
 
Quando una ricetta è buona, veloce, economica, cosa si può chiedere di più? Anche se abitando in una città di mare sono solita acquistare il pesce fresco, devo dire che quando il mio fornitore di fiducia non ha quello che cerco, mi oriento sul surgelato. Meglio un pesce surgelato che un pesce fresco… non tanto fresco.
Le seppioline surgelate utilizzate in questa ricetta, hanno comunque il vantaggio di essere già pulite, di mantenere le proprietà organolettiche e di essere più economiche rispetto a quelle fresche. Stessa cosa per quanto riguarda le patatine novelle, che nel reparto dei surgelati del supermercato si trovano sempre. In questo caso il costo è più alto rispetto al fresco, ma nell’economia della ricetta finita incide poco.  Il costo di questo piatto, a persona, è di soli € 3,50.

 

 Ingredienti per 4 persone:
 
1 Kg di seppioline pulite surgelate
750 gr di patatine novelle surgelate
3 spicchi d’aglio
1 cucchiaio di timo fresco
1 bicchiere di vino bianco
olio e.v.o.
sale
 

Preparazione:

Fai scongelare patate e seppioline, dopodiché sciacqua le seppioline sotto l’acqua corrente e falle sgrondare.

Trita finemente 2 spicchi d’aglio e uniscilo alle foglioline di timo fresco.

Prendi due recipienti: in uno metti le seppie e nell’altro le patate; in entrambi aggiungi il trito e con le mani mescola molto bene.

Ora prendi una teglia, mettici l’olio, uno spicchio d’aglio vestito, le patate, il sale e inforna a 200°, forno ventilato, per 20 minuti.

Trascorso questo tempo aggiungi le seppioline, cospargi con un filo d’olio, il vino, il succo di mezzo limone, aggiusta di sale e continua la cottura a 180° per altri 20 minuti.

Impiatta e… BUON APPETITO!