Muggine all’acqua pazza

 
  
A differenza dei prodotti ortofrutticoli dei quali tutti conosciamo la stagionalità, non si può dire altrettanto per quelli ittici. Tutti sanno che che la stagione delle pèsche è l’estate, ma in pochi sanno che l’autunno (insieme alla primavera) è stagione di muggini (o cefali). Essendo questo il loro periodo di migrazione (dal fiume al mare) per andare a riprodursi, diventa facile catturarli. Trattandosi di un pesce “limivoro” le sue carni possono variare di gusto in base a dove viene pescato, ma per questo viene in aiuto il fornitore di fiducia. La specie più pregiata è la “Dorata” perché essendo muggini “freddolosi” sono i primi a raggiungere il mare aperto alla ricerca di acque più calde.  E’ un pesce semigrasso ricco di omega3 e, cosa che non guasta, ha un prezzo contenuto.
La preparazione all’acqua pazza ha origini lontane nel tempo. Poiché si diceva che l’acqua di mare facesse diventare pazzi i marinai che la bevevano, e la ricetta originale prevede appunto l’utilizzo dell’acqua di mare, per questo motivo viene detta acqua pazza.
La mia scelta di una cottura al vapore, realizzata per questa ricetta, esalta il gusto e il sapore del pesce e mantiene intatta la consistenza delle sue carni, così come l’aggiunta di verdure quali sedano e carota, non previste nella ricetta tradizionale.
La cottura all’acqua pazza può essere fatta anche con altri pesci, la cosa importante è che siano freschissimi.
 
Ingredienti per 2 persone:
 
1 muggine da 600 gr
20 pomodori ciliegini
1 gambo di sedano
1 carota
mezza cipolla
1 ciuffetto di prezzemolo
1 spicchio d’aglio + 1 per la bruschetta
mezzo litro abbondante di acqua salata (meglio se di mare)
olio e.v.o.
2 fette di pane grosso
 

Preparazione:

Affetta sedano, cipolla, carota e mettili in un tegame insieme all’aglio intero, ai ciliegini, al prezzemolo tritato grossolanamente e all’acqua salata (mezzo cucchiaio scarso di sale grosso).

Fai sobbollire 10 minuti per aromatizzare l’acqua, poi appoggia una griglia sul tegame e sopra metti il pesce pulito (ti consiglio di acquistarlo già sfilettato). Incoperchia e fai cuocere per 15 minuti circa.

 

Nel frattempo prepara la bruschetta strofinando l’aglio sul pane da ambo i lati e facendolo abbrustolire in una padella.

Quando il pesce è cotto mettilo nei piatti fondi con un po’ di acqua pazza (senza l’aglio) e la bruschetta.

Mettici sopra un filo d’olio, foglioline di prezzemolo fresco e servilo subito.