Risotto del Vescovo con pere nashi

Sono sempre molto esigente con me stessa quando creo le ricette… però devo dire che i risultati mi ripagano (quasi) sempre!

Il titolo che ho dato a questa mia ricetta nasce per il  legame del colore  viola, protagonista del piatto, con la Chiesa cattolica in quanto liturgicamente simboleggia l’attesa e nelle settimane dell’Avvento vengono indossati  paramenti proprio di questo colore.

L’artefice di questa colorazione è il cavolo cappuccio rosso tramite le antocianine,  sostanze coloranti idrosolubili prodotte dal metabolismo della pianta e pare, da uno studio americano pubblicato sul “Journal of Agricultural and Food Chemistry”,  che in questa verdura di stagione siano presenti 36 varietà di antocianine antitumorali… bene a sapersi! 

Ortaggio dal sapore marcato ben si abbina al nashi, un frutto nato dall’incrocio fra pera e mela con polpa dolce-croccante… e il rosmarino è il tocco finale!

 

Ingredienti per 4 persone:

 
500 di cavolo cappuccio rosso
350 gr di riso arborio
1 cipolla grossa
2 rametti di rosmarino
1 dado naturale alle verdure
grana grattugiato q.b.
burro 40 gr
olio e.v.o.
1 pera nashi grossa (o 2 piccole)

 

Preparazione:

Lava il cavolo e tritalo a coltello tenendo da parte qualche foglia per la decorazione (facoltativo).

                                        

Prendi un tegame, metti un po’ d’olio e la cipolla tritata, fai appassire, poi aggiungi il cavolo, un cucchiaino di sale grosso, gli aghi di rosmarino tritati e fai rosolare per qualche minuto.

 

 

 

 

 

Aggiungi  acqua calda (quella del rubinetto) a filo del cavolo, incoperchia e cuoci per 45 minuti, dopodichè mettili nel robot e riducili a purea.

                                                                                           

             

 

 

Nello stesso tegame dove hai cotto il cavolo (senza lavarlo) fai sciogliere un pezzo di burro, incorpora il riso e gira, dopo qualche minuto metti la purea di cavolo e fai insaporire mescolando  bene il tutto.  

                                                                                

      

 

Ora metti il dado e porta a cottura il riso, che deve essere all’onda (morbido), aggiungendo via via acqua bollente.  

A fuoco spento incorpora il grana, gira bene e impiatta il risotto mettendo sopra una dadolata di pere nashi.

 

 

               ♥  BUON APPETITO! ♥