Dado nostrale (per brodo vegetale)

E’ una soddisfazione farsi il dado da soli perché sai quello che ci metti dentro, se poi raccogli le verdure personalmente nell’orto come ho fatto io, la soddisfazione aumenta. Ad ogni modo è sufficiente acquistare delle verdure biologiche per ottenere lo stesso risultato. Non mi esprimo sui dadi che si comprano, mi limito solo a riportare il contenuto indicato su una delle tante confezioni: “Sale da cucina, grassi e oli vegetali, esaltatori di sapidità: glutammato monosodico, guanilato disodico, inosidato disodico; verdure disidratate (6,1%) (carote, prezzemolo, cipolla, pomodoro, sedano, peperoni, aglio, porro), estratto di lievito, aromi, colorante: E150c; curcuma, pepe, spezie.”
 
Ingredienti per 18 dadi:
 
1 cipolla grossa
3 carote
1 zucchina
1 costola di sedano
1 ciuffo di prezzemolo
150 gr di sale fino
1 cucchiaio d’olio e.v.o.
 
Preparazione:

Lava bene tutte le verdure, togli i fili al sedano e asciugale.

Poi tagliale grossolanamente, mettile in una pentola dal fondo spesso (è importante mi raccomando!), coprile con il sale fino e aggiungi l’olio.

Metti il coperchio senza chiudere completamente la pentola e fai cuocere a fuoco molto basso per 1 ora girando ogni tanto le verdure che nel frattempo rilasceranno i liquidi e poi inizieranno ad asciugare.

 

 

 

 

 

Dopo un’ora togli il coperchio, con un mestolo schiaccia le verdure e falle cuocere ancora 30 minuti e cioè fino a quando risulteranno belle asciutte.

Passale nel mixer fino a ridurle a pomata e poi suddividile nelle formine per il ghiaccio (a me sono venuti 18 dadi) e riponile nel surgelatore. Il giorno dopo estrai i dadi, raccoglili in un sacchetto di plastica per alimenti, e conservali nel reparto dei surgelati.

Note:

Metti  al fuoco l 1,20 di acqua con 2 dadi nostrali, quando bolle aggiungi la pastina di tuo gradimento e porta a cottura. Impiatta, aggiungi un filo d’olio a crudo (facoltativo), una spolverata di grana e… buona minestrina!

SE VUOI PUOI PERSONALIZZARE IL TUO DADO NOSTRALE CON LE VERDURE CHE PREFERISCI, LA COSA IMPORTANTE E’ CHE IL SALE DA AGGIUNGERE SIA 1/3 DEL PESO DELLE VERDURE PULITE (Es.: con 450 gr di verdure occorrono 150 gr di sale fino).

 

Cappellacci al castagnaccio

Gusto, consistenze e sensazioni rievocano il castagnaccio, infatti gli ingredienti sono i soliti, però li ho scomposti e ricombinati con lo scopo di creare un primo piatto che fosse originale ma dalle radici antiche. A giudicare dal successo che hanno avuto credo proprio di esserci riuscita.
 
Ingredienti per 6 persone: 
 
Per la pasta:
200 gr farina di castagne (essiccate a legna e macinate a pietra)
200 gr farina 00
3 uova intere
acqua tiepida q.b.
sale fino
 
Per il ripieno;
500 gr di ricotta vaccina
rosmarino in polvere q.b.
pinoli q.b.
uvetta q.b.
sale fino
 
Per la crema di pinoli:
100 gr di pinoli
uvetta q.b.
olio e.v.o.
acqua
sale fino
 
Preparazione:
 

Prepara il ripieno unendo alla ricotta il rosmarino in polvere, pinoli ed uvetta tritati nel mixer. Questi ingredienti vanno  mescolati secondo il proprio gusto, ma ti consiglio di metterne dosi minime perché quello che deve risaltare è il sapore della ricotta. Aggiusta di sale e riponi in frigo.

Prepara la pasta mescolando gli ingredienti indicati e regolandoti con l’acqua: l’impasto deve risultare morbido ma non appiccicoso. Prendine un pezzo (il resto coprilo con un torcione) e tiralo con la sfogliatrice fino alla “tacca” più sottile. Dividi le strisce in quadrati, poni al centro un po’ di ripieno, chiudili a triangolo e unisci due punte sigillando bene i bordi.

 

Prepara la crema di pinoli mescolando nel mixer i pinoli con pochissima uvetta, un pochino di olio e di acqua (casomai aggiungerai un po’ di  acqua di cottura della pasta al momento di condire). Aggiusta di sale.

Cuoci i cappellacci in acqua bollente salata (il sale mettilo quando l’acqua bolle) e condiscili con la crema di pinoli.

 
Note

Se non li cuoci subito, ma in giornata, mettili nei vassoi con un fondo di farina per non farli attaccare e riponili nel surgelatore. Così facendo il ripieno non inumidisce la pasta. Stesso procedimento se desideri surgelarli per mangiarli in tempi diversi. In questo caso, una volta surgelati, elimina i vassoi e metti i cappellacci in sacchetti di plastica per alimenti ricordandoti di scrivere la data di preparazione e il numero.

I miei cappellacci al castagnaccio partecipano al contest di Elena, http://apanciapiena.blogspot.it/2012/10/il-mio-primo-contest.html

 

 

Gnocchetti di ricotta e zucchine

 
Ingredienti per 2/3 persone: 
 
250 gr di ricotta vaccina
500 gr di zucchine verdi grandi (= n. 3 zucchine)
50 gr di farina 00 + q.b. per la spianatoia
50 gr di grana padano
semi di sesamo q.b.
maggiorana q.b.
olio e.v.o.
sale fino e grosso
 
 
Preparazione:
 

Dopo aver lavato le zucchine sbucciale con il pelapatate e cuoci a vapore le striscioline ottenute per circa 15 minuti.

Poi asciugale bene con carta assorbente da cucina e tritale molto fini a coltello.

Metti il trito in una terrina insieme alla ricotta, 50 gr di farina, 50 gr di grana, una presina di sale e mescola bene.

Trasferisci l’impasto su una spianatoia infarinata, dividilo in 4 parti, poi in 4 stringhe, tagliale a tocchettini e con i rebbi di una forchetta arrotolali a mo’ di gnocchetti.

Ora prepara il condimento: cuoci a vapore per 10/15 minuti le 3 zucchine alle quali hai tolto la buccia, dopodiché 2 schiacciale bene con una forchetta  e la terza tagliala a fette spesse. Mettile in una padella antiaderente e a fuoco spento aggiungi un po’ di maggiorana, di sesamo, olio e aggiusta di sale. 

Cuoci gli gnocchetti nell’acqua utilizzata per la cottura a vapore (se è poca aggiungine un po’), salandola al momento dell’ebollizione.  

Mentre cali gli gnocchi inizia a scaldare le zucchine e non appena vengono a galla mantecali velocemente in padella. Servili subito.

  

 

 

Polpettine di acciughe al pomodoro

 
Ingredienti per 6 persone: 
 
1 kg di acciughe fresche
1 uovo intero
2 patate bollite
3 cucchiai di grana padano
1 fetta di prosciutto cotto (tagliato sottile)
1 tazza di salsa di pomodoro pronta
2 spicchi d’aglio
Prezzemolo q.b.
2 pomodori secchi sott’olio
1 manciatina di capperi sotto sale
Pane grattugiato q.b.
Olio e.v.o.
Sale fino
1 pizzico di peperoncino

 

Preparazione:

Mentre fai bollire le patate in acqua salata pulisci le acciughe, toglici la lisca e dopo averle ben lavate falle sgocciolare.  Macina (come se fosse carne macinata) acciughe, patate, prosciutto e mettili in una terrina.

Aggiungi l’uovo, il grana, 1 spicchio d’aglio tagliato fine fine, il prezzemolo tritato e poco sale; amalgama bene (se l’impasto risultasse troppo morbido unisci un po’ di pane grattugiato) e con le mani fai tante piccole polpette.

Prendi una padella capiente, mettici poco olio, 1 spicchio d’aglio intero, la salsa di pomodoro, le olive, i pomodori secchi tagliati a coltello, i capperi dissalati ben sminuzzati e il peperoncino; fai scaldare e poi disponi le polpettine facendole cuocere una decina di minuti (se il sugo si addensa troppo allungalo con un pochino di acqua calda) . Per dare un tocco di colore puoi aggiungere alla fine dei fagiolini bolliti tagliati a pezzettini.

  

Gelo di uva fragolina

Settembre è la stagione dell’uva, ma a dire il vero per motivi climatici quest’anno è iniziata un po’ in anticipo rispetto al solito e questo bel grappolo ne è la testimonianza. Non ho resistito alla sua bontà ed ho preparato questo gelo di uva fragolina che pur essendo un fresco dessert (ottimo per rinfrescare i palati accaldati!) non ha niente a che vedere con il significato etimologico della parola gelo ma piuttosto con le gelatine. 
 
 
Ingredienti per 3 persone:
 
500 gr di uva fragolina
1 cucchiaio di zucchero
20 gr di maizena (amido di mais)
 

 

Preparazione:
 

Dopo aver lavato l’uva estrai il succo con la centrifuga e poi filtralo con un colino conservando solo la parte liquida (da 500 gr di uva si ottengono 200 ml di succo).

Aggiungi la maizena setacciandola per evitare grumi e lo zucchero, poi metti al fuoco e girando  continuamente fai spiccare il bollore.

Spegni e versa il composto addensato nei bicchierini, lasciali intiepidire e poi riponili in frigorifero a raffreddare fino al momento di servirli.

Note:

Per sformarli basta che inserisci la lama di un coltello fra il composto e il contenitore in modo da far entrare aria che, espandendosi farà scivolare il dessert nel piatto di portata. E’ un dolce buono per tutti, anche per chi ha problemi di celiachia.

 

Insalata di mare low cost

Ingredienti per 4 persone:
 
450 gr di zucchine grigliate surgelate
450 gr di bastoncini di surimi surgelati
2 pomodori secchi sott’olio
una manciata di capperi sotto sale
una manciata di olive nere
succo di mezzo limone
peperoncino q.b.
maggiorana q.b.
olio e.v.o.
sale fino
 
Preparazione:
 
Fai bollire un po’ d’acqua e sbollenta i bastoncini di surimi già scongelati per 2 minuti, dopodiché srotolali e tagliali a “tagliatelle” e qualcuno a rondelle.
 
Nella stessa insalatiera unisci le zucchine grigliate e scongelate tagliate a striscioline, i capperi sminuzzati (prima sciacquali sotto il rubinetto e strizzali bene), i pomodori a pezzetti e le olive. Condisci con olio, sale, limone, peperoncino e maggiorana.  
 
Fai riposare in frigo prima di servirla.
 
Note: 
Si prepara in anticipo, ha un costo contenuto, ma soprattutto è un buon piatto unico diverso dalle solite insalate estive. Ottimo anche come antipasto…  se poi lo servi in piccole conchiglie farai un figurone!
 
 

Torta dei cucchiai

 

Ingredienti per 6-8 persone:

16 cucchiai colmi di farina bianca 00 + q.b. per infarinare la teglia
8 cucchiai di olio di mais “Cuore”
8 cucchiai  di zucchero di canna aromatizzato alla vaniglia
8 cucchiai di acqua
3 uova intere
1 limone biologico
1 bustina di lievito per dolci
1 pizzico di sale fino
1 noce di burro
granella di zucchero q.b.

 

Preparazione: 

Con una frusta lavora molto bene olio, zucchero e acqua, dopodiché aggiungi, sempre mescolando, un uovo alla volta, la scorza grattugiata del limone e un pizzico di sale.

Incorpora gradatamente la farina fino ad ottenere un impasto liscio ma sostenuto e per finire aggiungi il lievito.

Versa il composto in uno stampo a cerniera (22 cm di diametro) imburrato e infarinato, cospargi la superficie con granella di zucchero e inforna a 170° (forno preriscaldato – statico) per 40 minuti.

Nota:

Uno dei modi per utilizzare la stecca di vaniglia dopo averla incisa per raschiarne i semi è quello di metterla in un barattolo di zucchero per aromatizzarlo.

 

CAPRICORNO: Uova in gusci di zucchine

 

 

Leggi il tuo oroscopo gastronomico

 http://oroscopo.d.repubblica.it/astri_cucina.php?segno=capricorno

Tutto chiaro?… ora andiamo in cucina

Uova racchiuse in gusci di zucchine sono un secondo ideale per la corretta alimentazione dei capricornini che con questi ingredienti assumono il calcio e le vitamine  di cui hanno tanto bisogno, come si legge nel loro profilo alimentare. Il risultato è un piatto “su misura” per questo segno e la sua preparazione è facile e veloce.

 

 
 
Ingredienti per 4 gusci:
 
2 zucchine tonde
3 uova intere
mezzo würstel maxi di pollo e tacchino
olio e.v.o.
sale fino e grosso
 

Preparazione:

Lava le zucchine, tagliale a metà orizzontalmente, con uno scavino togli la polpa, falle cuocere in acqua salata (sale grosso) per 4-5 minuti dal momento dell’ebollizione, scolale, lasciale raffreddare e poi disponile in una teglia foderata con carta-forno.

            

Taglia il würstel a cubetti, fai un giro d’olio sui quattro “gusci” di zucchine e poi in due di questi metti un uovo in ciascuno e negli altri due suddividi un composto fatto con 1 uovo sbattuto e un goccio d’acqua (serve per rompere i filamenti proteici), un po’ di sale e il würstel. Inforna a 200° (forno ventilato e preriscaldato) per 20 minuti

                  

 

 IL CAPRICORNO E’ SERVITO!

 

  

 

SAGITTARIO: Parmigiana di acciughe e melanzane

  

Leggi il tuo oroscopo gastronomico

http://oroscopo.d.repubblica.it/astri_cucina.php?segno=sagittario 

Tutto chiaro?… ora andiamo in cucina

Pur apprezzando i gusti esotici, la cucina mediterranea è prediletta dal Sagittario perchè, come si legge nel profilo, lo aiuta a mantenersi in forma. Cosa c’è di meglio allora di un buon piatto a base di acciughe e melanzane? Come tutto il pesce azzurro le acciughe sono un alimento ricco di  grassi omega3, proteine, calcio, ferro, fosforo, selenio ecc. Abbinate poi alle melanzane, che per l’elevato contenuto di acqua hanno proprietà depurative, sono l’ideale per fare un “pieno di salute e di gusto”. Il risultato è un piatto “su misura” per questo segno e la sua preparazione è facile e veloce.

 

 

Ingredienti per 4 persone:
 
750 gr di acciughe (da pulire)
450 gr di melanzane grigliate (surgelate)
1 bottiglia di polpa di pomodoro da gr 680 (con sedano,carota,cipolla)
5 cucchiai rasi di formaggio grana grattugiato
3 cucchiai rasi di pane grattugiato
1/2 spicchio d’aglio
prezzemolo q.b. (fresco o surgelato)
olio e.v.o.
sale fino
 
 
 
Preparazione:
 

Mentre fai scongelare le melanzane pulisci le acciughe, toglici la lisca, aprile a libro e falle sgocciolare bene. Considerando che in questa ricetta la pulizia del pesce è l’unica operazione che richiede più tempo, se te la fai fare dal tuo fornitore di fiducia il piatto è presto fatto!

                                                       
 

 

Per preparare i condimenti  prendi un recipiente e versaci il formaggio, il pane grattugiato, il prezzemolo, l’aglio tritato fine fine a coltello, un pizzico di sale e gira bene. Il sugo non richiede alcun trattamento.

                  

Versa un po’ di pomodoro (direttamente dalla bottiglia) sul fondo della teglia (18 x 25 cm), un pochino d’olio e cospargi con il dorso di un cucchiaio. Sopra fai uno strato di melanzane, salalo appena un po’ e coprilo con il pomodoro e un goccio d’olio distribuendolo bene su tutta la superficie.

  

Ora fai uno strato di acciughe (la pelle verso il basso) e copri con il mix di grana, pane, aglio e prezzemolo.

 

 

 

 

 

Ricomincia facendo uno strato di melanzane (più rado del precedente) + pomodoro + acciughe + mix e così via fino ad esaurimento ingredienti (in totale vengono 3 strati di melanzane e 3 strati di acciughe). Termina con le acciughe, copri con il pomodoro, un giro d’olio e il mix di grana. Inforna a 180° (forno ventilato e preriscaldato) per 40 minuti.

 

 

 

 

 

Lascia intiepidire e… 

 IL SAGITTARIO E’ SERVITO!

 

 

 

BILANCIA: Torta di mele e susine

 

Leggi il tuo oroscopo gastronomico

http://oroscopo.d.repubblica.it/astri_cucina.php?segno=bilancia

Tutto chiaro?… ora andiamo in cucina

La predilezione di questo segno per i dolci, come si legge nel profilo, è legata all’influenza di Venere e pertanto è bene che i bilancini si orientino su dessert a base di frutta in modo da appagare il loro bisogno senza però appesantire il fisico. Vergognosamente facile… spudoratamente veloce… incredibilmente buona! Cos’altro aggiungere? Se la provi non la lasci più! Il risultato è un piatto “su misura” per questo segno e la sua preparazione è facile e veloce.

 

Ingredienti per 6/8 persone:

1 rotolo di pasta frolla Stuffer
1 confezione di frollini
1 vasetto medio di marmellata di susine
2 mele Golden
burro q.b.
cannella in polvere q.b.
zucchero di canna q.b.
 
Preparazione:

 Disponi sul tavolo tutti gli ingredienti:

 +    +  +   +   

 

Srotola la frolla e mettila con la carta direttamente nella teglia (diametro cm 23), sopra sbriciolaci grossolanamente 2 pacchetti di frollini e sopra ancora fai uno strato di marmellata (la quantità va a gusto… io l’ho messa tutta!)

 

 

 

 

 

Sopra la marmellata sbriciolaci, questa volta più finemente, 1 pacchetto di frollini e per finire le mele sbucciate e tagliate a fette (medio spessore). Ripiega i bordi di frolla a tuo piacimento e sopra metti un po’ di cannella e ciuffetti di burro.

 

 

 

 

 

Inforna a 180° (forno statico preriscaldato) per 1 ora circa, spolverizzando con lo zucchero di canna a metà cottura…

 

 

 

 

 

LA BILANCIA E’ SERVITA!